L’Economia è una bella storia

L’Economia è una bella storia

RIfoto006Martedì 23 settembre

Per crescere: imparare ad imparare.

Quanti denti di balena può costare un gelato?
Che differenza c’è tra crisi e recessione?
Perché rispettare le regole conviene a tutti?
Ha  senso  incolpare  l’euro  se  aumenta  il  prezzo
dei pomodori? Le tasse devono fare paura?
La formica della favola è una saggia risparmiatrice
o un egoista senza cuore?
Perché  l’innovazione  e  la  cultura  diffusa  sono  la
più grande ricchezza che ci sia?

Ecco  alcune  delle  domande,  serissime  e  scherzose,  a  cui  Nonno  Eco  deve  rispondere,  messo alle strette da Zoe, Lisa e Rufus.
Mentre fuori infuria il temporale e in casa è mancata la luce, un nonno economista e tre nipoti curiosi ripercorrono il cammino dell’umanità e degli strumenti  che  si  è  data  per  sopravvivere  e  progredire dalla preistoria ai nostri giorni.
Zoe,  Lisa  e  Rufus  scopriranno  che  l’economia, nonostante  gli  adulti  ne  parlino  di  continuo  e spesso a sproposito, non è affatto noiosa.
Al contrario, l’economia è una bella storia in grado di affascinare e rendere liberi e consapevoli piccoli e grandi.

“Il primo passo per non avere paura delle cose è capirle. Io non sono sicuro di riuscire a farvi capire il  temporale.  In  compenso  proverò  a  farvi  capire che  cos’è  una  crisi  economica,  cioè  non  un mostro invincibile”.
“Il  nonno  ci  ha  spiegato  la  storia  dell’economia. Allora  noi  abbiamo  acquisito  una  competenza nuova. Così il futuro è una promessa e non una minaccia”.

Giacomo Vaciago e Marco Bosonetto, condurranno  prima  gli  studenti  del  Liceo  Scientifico  di Alba e quindi noi rotariani in un percorso di comprensione semplice e diretto dell’economia.

Allora ragazzi, “Missione futuro!”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.