Gli anni ’50 rappresentano un periodo di grande espansione rotariana. Si ricorda in quell’epoca la creazione a Torino dei Club Torino- Dora e Torino-Est oltre a quelli di Casale M.to e Saluzzo .L’anno precedente aveva visto la luce il Rotary Club di Pinerolo.
Alba da centro agricolo si stava rapidamente trasformando in cittadina industriale ed assisteva, non passivamente, alla crescita ed ai successi di aziende come Ferrero, Miroglio, Mondo Rubber e Pia Società San Paolo.
Grazie all’interessamento dell’allora rappresentante del Governatore Avv.Orazio Quaglia, ed all’iniziativa di un affiatato e qualificato nucleo di professionisti ed imprenditori albesi, dopo vari contatti, riflessioni e ponderate discussioni, furono poste solide basi per la costituzione del nuovo Club.
Alcuni soci provenivano dal Rotary di Cuneo ( Bonardi e Pio) ma la gran parte dei nuovi aderenti non avevano precedenti esperienze rotariane.
Club Padrino il Rotary Club di Asti il cui dono (campana e martelletto) ancor oggi viene usato per scandire inizio e termine delle riunioni.
Sede originaria l’Hotel Savona e primo Presidente l’Avv. Giulio Cesare Pasquero.
La Carta Costitutiva porta la data del 12 Luglio 1956.
L’attività fu subito intensa e permise di dare vita a numerose iniziative.