Il Rotary Alba festeggia il Natale e fa il punto sull’attività di servizio.

Come da tradizione, il Rotary club Alba ha festeggiato la ricorrenza del Natale con due momenti riservati ai soci; in primo luogo con una cerimonia religiosa durante la quale sono stati ricordati tutti i soci scomparsi, in Seminario vescovile. In un secondo momento l’iniziativa del banco alimentare, un contesto nel quale tutti i soci e amici del club possono donare derrate alla cooperativa Progetto Emmaus, e che si è conclusa con la conviviale tra soci, ospiti e amici del club, compresa la delegazione francese di Beausoleil, guidata dal governatore Philippe Tricetti.
Il service del banco alimentare rappresenta una tradizione ormai consolidata per la delegazione rotariana albese: sono stati consegnati al delegato dell’organizzazione, Armando Bianco, oltre duecento chili di derrate alimentari.


Il club albese quest’anno risulta particolarmente impegnato sul progetto della realizzazione di una stanza multi-sensoriale per bambini tetraplegici in città, finanziandone l’arredamento insieme al club Canale-Roero e al supporto del governatore distrettuale Giuseppe Artuffo. «Questo service rappresenta il focus principale per l’anno rotariano in corso – ha spiegato il presidente Francesco Caffa – lo spirito che contraddistingue il nostro club è la voglia di ritrovarsi periodicamente tra soci e rispettive famiglie, per condividere lo spirito di tutte le attività filantropiche».
Qui di seguito viene effettuato un riepilogo dei principali service sinora completati: restauro della tomba del capitano garibaldino Carlutti presso il cimitero cittadino, svolta in collaborazione con il comitato di zona dell’ANPI (Friulano d’origine, il Carlutti partecipò alla spedizione dei Mille con l’eroe del Risorgimento, e morì ad Alba nel 1863). Ulteriori risorse hanno trovato concretizzazione nella donazione all’associazione Insieme per Wamba legata allo sviluppo della locale scuola infermieri, in memoria dell’impegno profuso dal socio Salvino Camera, e in una serie di altre iniziative culturali. Per quanto riguarda le iniziative della Rotary Foundation e il sostegno al service internazionale dedicato all’eradicazione della Poliomielite, il club ha sostenuto tale proposito ricevendo – proprio durante la conviviale natalizia – anche un contributo volontario da parte di uno dei soci.
«ll Rotary incoraggia i suoi membri ad agire direttamente nell’ambito sociale, avvalendosi delle proprie capacità e competenze, nelle rispettive professionalità – conclude il governatore distrettuale Artuffo – l’altro tema che mi sono proposto di sviluppare durante il mandato è quello della prevenzione, attraverso un’apposita commissione che tuteli la salute come diritto fondamentale dell’individuo, così come disposto dalla Costituzione italiana».


Durante la conviviale è stato dato spazio anche ai giovani del RotarACT che hanno accolto all’interno del club due nuovi soci, figli di altrettanti soci, Matteo Girello e Leonardo Cappa, con grande soddisfazione per entrambe le famiglie, che rappresentano la terza generazione all’interno del club di Alba, segno tangibile che l’attività di servizio prosegue secondo una continuità tramandata di padre in figlio.

(orig. di A. Bottigliero)